logo

Accreditata da

Regione Lombardia Università degli Studi di Milano Bicocca


Comunità Protetta a Media Intensità assistenziale Crest  “CPM Teseo” di Milano

Iscritta al Registro Regionale delle strutture accreditate n. 1181. Accreditata con delibera ASL Milano n. 780 del 25/06/2013. 

teseo

La Comunità Protetta “Teseo” è situata in viale  Monte Rosa n. 36 a Milano in una villa che garantisce gli spazi e i ritmi della normale vita quotidiana e le specifiche attività sanitarie. La nuova struttura offre ampi spazi interni ed esterni suddivisi in 2 camere singole e 4 doppie con relativi servizi igienici, oltre a confortevoli spazi giorno per la terapia e un piacevole giardino. La Comunità può accogliere 10 clienti di età compresa tra i 18 e i 65 anni in un ambiente protetto e accogliente che garantisce un’offerta assistenziale sulle 12 ore e una copertura nelle ore notturne con personale specializzato debitamente formato. Dei 10 posti letto disponibili, 8 sono contrattualizzati con Regione Lombardia, i 2 restanti sono a disposizione di pazienti solventi o provenienti da altre regione in regime di accreditamento. La Comunità Teseo si propone di essere uno di quei luoghi dove la persona, prima che il paziente, viene presa in carico globalmente e accompagnata in un percorso di progressivo recupero di abilità nonché apprendimento di quelle mai possedute o solo espresse potenzialmente. L’obiettivo finale del percorso terapeutico è il reintegro nel proprio ambiente di vita reale.

Il modello terapeutico:

l’intervento terapeutico riabilitativo è parte di un ampio progetto che coinvolge il cliente, la famiglia, i Servizi territoriali e l’equipe multidisciplinare che garantisce competenza per ogni aspetto del progetto.

Il trattamento residenziale cognitivo-comportamentale fa riferimento al modello multimodale di R.P. Liberman (1970) e alla Teoria Dialettico Comportamentale di M.M. Linehan (USA, 1993).

Il percorso di cura prevede una valutazione delle abilità possedute all’ingresso e la successiva stesura di un progetto individualizzato, declinato con un programma in cui sono descritti non solo gli obiettivi ma anche i tempi, le procedure, i gruppi e le attività che ne permetteranno il raggiungimento. Tale progetto sarà soggetto a verifica annuale.

Per il raggiungimento degli obiettivi sono previste sia attività individuali che di gruppo, le cui finalità prevedono particolare attenzione alla riabilitazione neuropsicologica, alle abilità sociali (comunicazione, assertività, problem solving e gestione delle emozioni) e di vita quotidiana. Sono inoltre previste graduali esposizioni verso l’esterno, favorendo in particolare il rientro del cliente nel proprio contesto familiare.

La Terapia Dialettico Comportamentale, un modello di trattamento psico-sociale basato su un approccio sistemico, caratterizza i progetti dei pazienti che riscontrino i criteri del Disturbo di Personalità, specialmente per quelli con comportamenti autolesivi e altre disfunzioni gravi del comportamento. Il modello è finalizzato alla regolazione delle emozioni che interagiscono con i meccanismi dell’apprendimento così da ostacolare il carattere adattivo delle espressioni e generare risposte emotive intense e scarsamente controllate.

La dimissione è concordata con il cliente, i suoi referenti e il Servizio inviante.

Le attività previste sono:

  • Colloqui psichiatrici
  • Colloqui psicoterapici
  • Gruppi riabilitativi
  • Gruppi ricreativi
  • Interventi individuali
  • Interventi di risocializzazione
  • Interventi psico-educativi di supporto alle attività quotidiane
  • Sostegno alle famiglie

 

Criteri di ammissione:

Schizofrenia e sindromi correlate, disturbi dell’umore (disturbo depressivo e disturbo bipolare), disturbi d’ansia e disturbi di personalità o altri disturbi mentali che compromettano in misura rilevante la vita di relazione del soggetto o che comportino difficoltà tali da risultare gravemente disadattive rispetto alle risorse contestuali dell’utente.

Diagnosi di esclusione:

Demenza, grave ritardo mentale, oligofrenia e disturbi mentali dovuti a una condizione medica generale, disturbo antisociale di personalità con comportamento violento pregresso con lesioni gravi alle persone fuori da ogni disturbo di tipo psicotico, donne incinte, pazienti in trattamento con farmaci sostitutivi in doppia diagnosi, disturbi in fase acuta che necessitino di interventi urgenti o di contenimento.  

Modalità di accesso:

L’ingresso alla Comunità è regolato da una lista di attesa ed è conseguente alla valutazione dell’équipe. La priorità di ammissione è correlata alla data della richiesta di inserimento da parte del Dipartimento di Salute Mentale/CPS. L’inserimento in Comunità è subordinato al ricevimento del documento di assunzione di spesa da parte dell’ASL di residenza. Per i pazienti in ingresso in regime di solvenza è necessario il nulla osta amministrativo da parte di Crest srl.  

Struttura operativa:

Direttore Sanitario: Dott.ssa Giuseppina Bernasconi.

Psichiatra aiuto: Dott. Emilio Castiglioni.

Coordinatrice: Dott.ssa Alessandra Catania

Psicoterapeuta: Dott.ssa Chiara Zoppellaro

Contatti

CPM Teseo, Viale Monte Rosa 36 – 20149 – Milano (MI) tel: 02.4690507    Fax: 02.48193630   Email: cmp.teseo@crest.it

Per informazioni e prime visite 02.860436