logo

Accreditata da

Regione Lombardia Università degli Studi di Milano Bicocca


Comunità Terapeutica Crest Cuveglio

Autorizzazione ASL Varese n. 911 del 13/08/2004
Accreditamento n. 2447 del 9/11/2011

La Comunità Terapeutica Crest di Cuveglio è un centro residenziale per il trattamento delle tossicodipendenze con particolare attenzione all’area clinica dei Disturbi di Personalità. La Comunità propone un intervento terapeutico riabilitativo sulle 24 ore con una prevalenza di personale psico-socio-educativo.
La vita comunitaria è strutturata in modo da permettere agli ospiti di sperimentare un modello di vita coerente con gli obiettivi del trattamento e adeguato alle aspettative sociali. La struttura offre spazi per il tempo libero, una palestra e un campo da pallacanestro e pallavolo.

Il Modello Terapeutico:

L’intervento terapeutico riabilitativo è parte di un ampio progetto di presa in carico territoriale condiviso tra Crest,  il Cliente, la famiglia e il Servizio inviante. Il trattamento residenziale cognitivo-comportamentale fa riferimento alla Terapia Dialettico Comportamentale di M.M. Linehan (USA,1993). E’ lo strumento cognitivo per eccellenza che percorre a livelli diversi tutto l’intervento terapeutico. La Terapia Dialettico Comportamentale è un modello di trattamento psico-sociale basato su di un approccio sistemico per l’intervento su pazienti che riscontrino i criteri del disturbo di personalità, specialmente per quelli con comportamenti autolesivi e altre disfunzioni gravi del comportamento.  Il modello è finalizzato alla regolazione delle emozioni che interagiscono con i meccanismi dell’apprendimento così da ostacolare il carattere adattivo delle espressioni e generare risposte emotive intense e scarsamente controllate. Il percorso di cura è individualizzato, flessibile e a termine; si sviluppa in fasi progressive e prevede la misurazione degli esiti. A questo scopo è stato organizzato un ambiente atto ad accogliere il Cliente che viene inserito nell’insieme di relazioni che compongono la Comunità Terapeutica. Il modello terapeutico prevede che il Cliente raggiunga gli obiettivi comportamentali desiderati e concordati nel piano di trattamento  mediante l’incremento delle abilità e delle competenze personali in termini di consapevolezza di sé e degli altri, regolazione emotiva, efficacia  nelle relazioni interpersonali e tolleranza dello stress. Nel corso del trattamento il Cliente sperimenterà gradualmente attività interne ed esterne alla Comunità   con l’obiettivo di verificare e migliorare il livello di funzionamento nell’area personale, famigliare e socio-relazionale. Le esperienze maturate in questi diversi contesti, vengono elaborate e condivise all’interno dei gruppi terapeutici: gruppi di skills training, gruppi di problem solving e gruppi emozionali. Lo scopo è quello di raggiungere il livello più elevato possibile di responsabilità e di autonomia del paziente. La dimissione è concordata con il Cliente, i suoi referenti e gli invianti.

Le attività previste sono:

•  Colloqui psichiatrici.

•  Psicoterapia individuale e di gruppo.

•  Valutazioni diagnostico-terapeutiche.

•  Interventi psico-educativi di supporto alle attività quotidiane.

•  Interventi di risocializzazione.

•  Sostegno alle famiglie.

•  Gruppi di attività espressive.

•  Orientamento al reinserimento sociale.

•  Riunioni di coordinamento e interventi di rete.

•  Supervisione dei casi.

Preleva in formato PDF il modello di trattamento dettagliato.

 

Modalità di ammissione

L’ingresso in comunità è regolato da una lista di attesa ed è conseguente alla valutazione dell’équipe .

La Struttura attualmente dispone di 30 posti letto accreditati al SSN. Di questi, 20 posti letto sono dedicati al trattamento terapeutico residenziale (TTR) e ulteriori 10 posti letto sono riservati al modulo specialistico per pazienti in doppia diagnosi (SPR2). L’unità di offerta comprende anche un modulo abitativo per la fase di reiserimento organizzato all’interno di 3 appartamenti protetti per un totale di 7 posti letto.  La Comunità è autorizzata ad ospitare 2 pazienti minorenni. Si accolgono pazienti in regime di affidamento ma non agli arresti solo in presenza di specifiche condizioni concordate con la Direzione Sanitaria.

Diagnosi di ammissione: disturbi correlati all’uso di sostanze e in comorbilità psichiatrica con disturbi di personalità.

Diagnosi di esclusione: demenza, grave ritardo mentale, oligofrenia e disturbi mentali dovuti a una condizione medica generale, schizofrenia e altre sindromi psicotiche primarie, donne incinte, pazienti in trattamento con farmaci sostitutivi, disturbi in fase acuta che necessitino d’interventi urgenti e/o di contenimento.

Accesso tramite Servizio Sanitario Nazionale:

  • La priorità di ammissione è definita dalla data della certificazione sullo stato di dipendenza rilasciata dal SERT.
  • Per i Clienti non residenti in Lombardia l’inserimento in Comunità è subordinato al ricevimento del nulla osta e dell’impegno di spesa da parte del SERT di residenza.

Rette applicate: TRR euro 61,50 die, SPR2 (doppia diagnosi) euro 120,00 die.

Costi aggiuntivi: Farmaci non prescrivibili e spese personali.

Accesso in regime di solvenza:

  • La priorità di ammissione è correlata alla data della domanda di inserimento dell’interessato o dei familiari.
  • L’inserimento in Comunità è subordinato alla definizione del contratto tra il cliente o un suo referente/legale

rappresentante e Crest.

Rette applicate: La retta massima applicata è di euro 250,00 die in regime di esenzione IVA e potrà essere modulata in funzione della complessità e della durata del trattamento.

Costi aggiuntivi: Farmaci non prescrivibili e spese personali. Il mantenimento del posto letto per assenze concordate con la struttura è previsto in euro 60,00 die.

 

Modalità di dimissione

La dimissione dalla comunità potrà avvenire secondo le seguenti modalità:

  1. Termine del programma terapeutico a seguito del raggiungimento degli obiettivi condivisi del trattamento

esplicitati nel progetto riabilitativo individuale in accordo con l’équipe multidisciplinare della comunità, i

servizi invianti e i famigliari del paziente.

  1. Interruzione volontaria del trattamento in disaccordo con il parere dei curanti.
  2. Allontanamento del cliente in caso di gravi comportamenti di sabotaggio del percorso terapeutico.
  3. Trasferimento in altra struttura.

In caso di dimissione programmata o trasferimento in altra struttura, verrà consegnata al paziente e inviata ai servizi invianti, la relazione di dimissione. La relazione conterrà le informazioni relative al percorso del paziente, alla situazione sanitaria al momento della dimissione e le indicazioni terapeutiche per il prosieguo del percorso post comunità.

In caso di abbandono o allontanamento imprevisto dalla comunità, la relazione di dimissione verrà inviata ai servizi invianti e, su richiesta, potrà essere rilasciata al paziente presso la sede amministrativa di Milano.

Alla dimissione verranno restituiti tutti gli effetti personali e i documenti sanitari e legali.

Struttura operativa:

Direttore di Programma: Dott. Vittorio Tanzi Mira, dottore in tecniche psicologiche.

Supervisione d’èquipe: Prof. Fabio Madeddu, Psichiatra e Psicoterapeuta.

Formatore DBT: Dott. Fabio Rancati, Sociologo.

Medico responsabile di struttura: Dott. Cristiano Medeot, Medico specializzato in psicologia clinica (equipollenza in psichiatria)

Medico di Struttura: Dott.ssa Martina Ballerio.

Coordinatore: Dott.Massimiliano Bin, Psicoterapeuta.

 

 Contatti:

CTD CREST CUVEGLIO Via della Croce 7- 21030 Cuveglio (Va)

Tel. 0332 650208  Fax 0332 651888  email ct.cuveglio@crest.it

Per informazioni e prime visite 02.860436

 

 Come raggiungerci:

da Milano Autostrada A8/A26 direzione Gravellona-Sesto Calende, uscita casello di Sesto Calende. Seguire le indicazioni per Luino, arrivati a Cittiglio girare a destra per Luino. Arrivati a Cuveglio al primo semaforo girare a sinistra e seguire i cartelli Crest.